Lazio insolito: nel rifugio dentro il Monte Soratte

Porta ingresso Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blogChe tu sia appassionato di storia o meno, alle porte di Roma è possibile entrare nei meandri di una montagna, il Monte Soratte, per scoprire un incredibile dedalo ipogeo, una delle più importanti costruzioni ingegneristiche in Europa, iniziata per volere di Mussolini e diventato roccaforte dei tedeschi nella II Guerra mondiale: è il rifugio del Monte Soratte.
Abitando a Roma non ho impiegato molto tempo per raggiungere questo luogo; ho seguito la via Flaminia passando per alcuni paesi più o meno noti della provincia, addentrandomi nella Valle del Tevere, fino a trovarmi davanti all’improvviso la sinuosa silhouette del Monte Soratte, immerso nella pace e nel silenzio di una mattina molto molto poco assolata. Scorgo i colori delle casette del delizioso paesino di Sant’Oreste, che sorge abbarbicato in posizione pittoresca. on-the-way to sant'oreste - along via flaminia ©smartraveller blog
Monte Soratte, Abandoned army barracks, Sant'Oreste © smartraveller blog

Le caserme abbandonate del Monte Soratte

Sant'Oreste, Roma © smartraveller blog

Sant’Oreste, Roma

Sant'Oreste, Rome, Italy © smartraveller blogUna volta saliti a Sant’Oreste è semplicissimo raggiungere il Rifugio del Monte Soratte, le indicazioni stradali sono molto chiare. Allora, eccomi qui a varcare il cancello d’ingresso dell’area “militare”: tutto d’un tratto la linea del tempo si sposta a inizio ‘900 in un’ambientazione suggestiva, che riporta al vissuto di guerra. Ci sono un gabbiotto, con iscrizioni originali in tedesco, carri armati, bombe e altri elementi che fanno parte oggi dell’allestimento dell’area esterna al Bunker, dove si trovavano le caserme. Non lasciarti intimorire, è davvero un luogo che vale la pena vedere coi propri occhi. 
Gabbiotto ingresso area Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog

Casa Arti e Mestiere, Bunker Soratte, Sant'Oreste, Roma © smartraveller blog

Officine Protette Monte Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog

Uno degli ingressi delle Caserme del Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog

Area pic nic, Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog

Abandoned army barracks, Bunker Soratte, Sant'Oreste ©smartraveller blog

Nicchia votiva Santa Barbara, Bunker Soratte, Sant'Oreste Sant'Oreste, Rome, Italy Sant'Oreste, Rome, Italy © smartraveller blog

Carro Armato - Esterno Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog

Allestimento area esterna Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Una di queste caserme è stata restaurata ed adibita a biglietteria, bookshop e area espositiva dove è possibile ammirare delle belle fotografie d’epoca, ma soprattutto dove si possono conoscere alcuni membri dell’associazione Bunker Soratte, fautrice del recupero di questo gioiello ingegneristico. Biglietteria e Museo bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog
Prima di entrare nella pancia della montagna mi prendo qualche minuto per godere della vista e per curiosare lungo il sentiero che cinge parte della montagna.View over Valle del Tevere from Mount Soratte, Sant'Oreste ©smartraveller blog
Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog
Incontro Nicolò, una delle preparate ed entusiaste guide dell’Associazione Bunker Soratte, che mi farà scoprire tutti i segreti di questo labirinto. Sentirsi aprire questo portellone pesantissimo e vederselo poi chiudere dietro di sé è davvero impressionante! Una volta dentro, con sorpresa, scopro l’ampiezza degli ambienti interni, per niente angusti e ristretti. Il grande salone è “arredato” con reperti bellici, mappe, strumentazione d’epoca che mi trascina in quel periodo.Allestimento Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog
State calmi qui siete già al sicuro, Bunker Soratte, Sant'Oreste © smartraveller blog
Modellino aereomobile - Interno Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Esposizione equipaggiamenti conflitto mondiale, Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Oggettistica risalente alla seconda guerra mondiale, Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartravelle blog

Interno Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Segnaletica tedesca, Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Equipaggiamenti radio, seconda guerra mondiale, Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Mappa Italia centrale, Commando tedesco, seconda guerra mondiale, Bunker Soratte, Sant'Oreste - smartraveller blog

Motore radiale doppia stella, Pratt and Whitney

Motore radiale doppia stella, Pratt and Whitney

Nicolò prima di addentrarci nei cunicoli del Soratte, illustra e racconta la storia di questo luogo, voluto inizialmente da Benito Mussolini, concepito come rifugio antiaereo per le più alte cariche del Regio Esercito. La peculiarità di questo rifugio, però, sta nella sua ricca e mutevole storia e nelle sue “stratificazioni”, poiché questi stessi luoghi furono impiegati nel corso della seconda guerra mondiale durante l’occupazione tedesca, come quartier generale della Wermacht, quando Kesselring trasferì da Frascati bombardata il suo commando. I tedeschi completarono alcuni lavori, ristrutturando e trasformando il rifugio in un’enorme caserma “sotterranea” dotata anche di ristorante e ambienti così rifiniti da avere addirittura il parquet e delle finte finestre.
Ancora, nel dopoguerra il Soratte fu usato come polveriera, e in piena guerra fredda il governo italiano decise di riconvertirlo in rifugio antiatomico, i cui lavori però non furono ultimati, perché interrotti nel 1972 per ragioni non note. Silenzio qui l'aria è preziosa, Bunker Soratte - smartraveller blog
Carro US seconda guerra mondiale, Soratte Bunker, Sant'Oreste
Sala trasmissioni bombardata, Bunker Soratte, Sant'Oreste
Zona notte, Atombunker Soratte, Sant'Oreste

Atom Bunker Soratte, Sant'Oreste Roma

Interno Atombunker Soratte, Sant'OresteIl percorso di visita è molto variegato, e concepito per rivivere ed esplorare l’evoluzione del luogo. I cunicoli sono lunghi circa 4 km, ma è visitabile solo una parte di essi. E’ davvero molto suggestivo, l’illuminazione e la luce soffusa senz’altro favoriscono la catarsi, le scritte sulle mura, ammirare le tecniche di costruzione, poi gli allestimenti di alcune delle sale, ma soprattutto i racconti della guida che aiutano a immergersi nelle varie epoche. Insomma, la passeggiata di quasi due ore passa davvero velocemente, anzi vorresti durasse di più!
[smARTips]
  • E’ severamente vietato fare fotografie all’interno del Bunker per motivi di sicurezza. Per i fotografi o appassionati di fotografia sono previste visite ad hoc (anche su richiesta per i gruppi).
  • L’itinerario è illuminato, ma chi volesse portare una torcia potrà utilizzarla per illuminare dei particolari a proprio piacimento.
  • Gli ambienti sono spaziosi, dunque non si sentirà mai un senso di oppressione; gli ambienti sono però MOLTO umidi, dunque consiglio di portare con sé un capo caldo, anche cappello e sciarpa non guastano;
  • La visita ovviamente è guidata, e va prenotata telefonicamente (tel. 380.3838102) secondo le date e gli orari disponibili sul sito dell’Associazione. Di norma si tiene un turno alle ore 10.30 e uno pomeridiano alle ore 15.30. L’appuntamento è in Largo Don Germinio Abballe a Sant’Oreste, almeno un quarto d’ora prima dell’orario di inizio della visita. Sant’Oreste è facilmente raggiungibile tramite la via Flaminia oppure attraverso l’A1 (uscita “Ponzano Romano-Soratte”);
  • Il contributo d’ingresso è di € 8,00 (biglietto ridotto € 5,00 per bambini dai 6 ai 12 anni;
  • La visita dal mio punto di vista è consigliata anche per bambini, ma che siano di almeno di 6-7 anni e che siano buoni ascoltatori e capaci di stare in silenzio per il tempo della visita di un luogo che, ricordo, non è un parco giochi, ma un luogo ameno. Bambini più piccoli non solo rischiano di annoiarsi, ma sono “esposti” ai capricci, rendendo difficile l’ascolto della guida agli altri partecipanti;
  • L’area attorno al Monte Soratte è molto interessante dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, dalla cima del Soratte (m 691) si gode una splendida vista sulla Valle del Tevere e su diversi gruppi montuosi, dall’alto Lazio sino in Abruzzo.
  • Seguendo il sentiero che passa davanti all’ingresso del rifugio, si raggiunge un’area ristoro con dei tavoli ed un barbecue utilizzabili anche quando il Bunker non è aperto alle visite. 

***

Voglio chiudere facendo un plauso al personale del Bunker Soratte, a Gregory e gli altri ragazzi, che con grande entusiasmo, e su base totalmente volontaria e indipendente dalle istituzioni, negli anni si sono fatti carico di recuperare questo luogo abbandonato e renderlo oggi visitabile. Veramente un lavoro encomiabile che va sostenuto! Per questo, non mi rimane che invitarti a scoprire questo luogo storico e trascorrere una giornata nella storia!
Associazione Culturale “Bunker Soratte”
Sito: www.bunkersoratte.it
email: bunkersoratte@gmail.com
telefono: 380.3838102
p.s. Se vuoi dare un’occhiata a tutte le mie foto, vieni a scoprire il mio album fotografico su Flickr

 

Verrà un giorno in cui i cannoni saranno esposti nei musei, così come gli strumenti di tortura ora, e la gente sarà stupita che una cosa del genere abbia potuto esistere [Victor Hugo]
© www.smartraveller.it
Ti piace ciò che hai letto? Follow “smARTraveller” and always be in the know
twitterfacebookPinterestinstagram

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Annunci

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...