Meteora, terra di magia

Meteora, Grecia © smartraveller.it (50)
Meteora è stata nella mia lista dei desideri per un bel po’ di tempo, non si può non voler visitare un luogo così unico e carico di fascino, connubio tra paesaggio naturale e opera dell’uomo! Ora che il desiderio l’ho avverato, ti va di venire con me a scoprire questo angolo di Grecia?

Arrivo in aereo a Salonicco di buon’ora e, noleggiata la macchina, mi metto entusiasta in marcia: ho davanti tre ore di guida circa per percorrere i 300 km che mi separano da Kalampaka (anche detta Kalabaka o Kalambaka), la cittadina che insieme a Kastraki, ospita e sorge ai piedi della foresta di roccia e delle meravigliose “Meteore”, riconosciute patrimonio dell’umanità dall’Unesco.
Fino all’uscita di Grevena, la strada è più che agevole trattandosi di autostrada. Tiro dritta, facendo solo una breve sosta per il mitico #caffèfrappè (clicca sul link per vedere come si fa) bevutissimo in tutta la Grecia – fino a imboccare la provinciale che si fa ovviamente più stretta e tortuosa; la guida insomma diventa divertente, come il paesaggio che cambia. Lo sguardo è eccitato e sempre rivolto in lontananza, pronto a scovare un dettaglio o un elemento che mi faccia esclamare: “sì, ci siamo, eccoci arrivati!”
Lungo gli ultimi 60 km che mi separano dalla meta, la macchina ha bisogno di rifornimento – anche il mio stomaco! – e guidando mi maledico di non essermi fermata in autostrada: le campagne sono poco abitate, e temo di non trovare una stazione per i prossimi chilometri.
Incontro finalmente un piccolo agglomerato (Agioi Theodoroi aka Άγιοι Θεόδωροι, Ήπειρος Δυτική Μακεδονία) dove campeggia una stazione di servizio di quelle familiari. On the way to Meteora, Agioi Theodoroi, Grecia
Una volta riempito il serbatoio, mi affaccio al bar annesso dove non volava una mosca, ma c’era una famiglia in sacro silenzio intenta a divorare il proprio pranzo. Bene, alla fine qui ho mangiato una delle più buone e abbondanti insalate greche mai assaggiate con prodotti a km 0, e sulla loro bella veranda ho potuto rilassarmi e godere del silenzio, primo approdo della quiete che mi aspettava a Kalampaka. 
Mi rimetto in marcia e, curva dopo curva, ecco improvvisamente davanti ai miei occhi lo spettacolo che aspettavo di vedere. Nel bel mezzo della pianura della Tessaglia scorgo le prime rupi e pinnacoli di roccia! Ci siamo!
Faccio il mio ingresso nella cittadina che mi ospiterà ai piedi di questa foresta rocciosa da cui non distolgo lo sguardo.
Meteora, Grecia © smartraveller.it (1)
Meteora, Grecia © smartraveller.it

Kalampaka

Il mio alloggio è il caratteristico Alsos House, gestito da Yiannis e la sua famiglia, che gode di una posizione invidiabile proprio sotto le rocce, che possono essere ammirate dalla grande terrazza! Ma lascio in fretta le mie cose, l’appuntamento con George di Visit Meteora è ormai imminente: si parte alla scoperta delle “Meteore” con un bellissimo tour pomeridiano-serale! Mentre l’indomani prenderò parte a dei trekking naturalistici.Meteora, Grecia © smartraveller.it (7)
[Le Meteore & la Foresta di Roccia]
Meteora in greco significa “nel mezzo dei cieli” o “sospeso in aria” e questo epiteto definisce i monasteri che sorgono sontuosi in cima ai pinnacoli rocciosi e levigati che qui s’innalzano fino a raggiungere i 600 metri di altezza. Questi blocchi di arenaria sono antichissimi, erosi dal vento e dall’acqua, modellati dai terremoti e dagli agenti atmosferici, che nel corso di milioni di anni hanno creato un paesaggio a dir poco speciale.
Meteora, Grecia © smartraveller.it (16)
Meteora, Grecia © smartraveller.it (20)
Kastraki - Meteora, Grecia © smartraveller.it

Kastraki

Impressionante è il contrasto tra il verde della pianura e le pareti setose, ma grigie dei massi, pieni di fenditure e grotte; e poi, non per ultimi di importanza, gli eremi (!) che sembrano volare lassù, tra terra e cielo, apparentemente irraggiungibili. Effettivamente, più si guardano i monasteri e più si prova ad immaginare i primi uomini che si insediarono e costruirono gli edifici: dovevano esser stati esperti scalatori.

Meteora, Grecia © smartraveller.it (28)

Meteora, Grecia © smartraveller.it (56)

Meteora, Grecia © smartraveller.it (52)

[Un po’ di storia]
Eremiti e asceti si dice iniziarono a stabilirsi in questa zona straordinaria nel IX secolo e agli inizi del XII la comunità dette avvio ad uno stato monastico organizzato. I monasteri che vediamo oggi risalgono però al XIV-XV sec. all’incirca, un periodo di forte instabilità politica in Tessaglia; fu a quel tempo che i monaci qui trovarono rifugio, sia spinti dal desiderio di avvicinarsi a Dio, ma anche dalla necessità di sfuggire alle persecuzioni degli Ottomani, e costruirono monasteri sopra cime inaccessibili.
Alla fine del XV secolo se ne contavano 25-30, che prosperarono fino al XVI secolo; dopodiché conobbero un periodo di declino e abbandono. Alcuni siti sono stati distrutti, danneggiati e saccheggiati durante i successivi secoli a causa di guerre e conflitti, soprattutto all’inizio del XIX secolo dalle truppe di Alì Pascià, ma anche durante la seconda guerra mondiale il sito venne bombardato.
***
Oggi, solo una manciata sono attivi e aperti ai visitatori, di cui due abitati da ordini femminili: Varlaam  39.43311 21.37494, Agias Varvaras · Roussanou 39.721619, 21.632207, Agia Triada 39.713339, 21.635975, Agios Stefanos 39.709865, 21.639887, Megalou Meteorou 39.726886, 21.627157 e Agios Nikolaos Anapafsas 39.724148, 21.625003; possono essere raggiunti e visitati facilmente, e sono ben segnalati per le strade che li raggiungono.
Vale la pena visitare tutti i monasteri, ma vorrei segnalare che all’interno del Monastero Megalo Meteoro il più grande, il più vecchio, nonché quello costruito sul pinnacolo più alto (600 metri), è possibile comprendere ed apprezzare forse al meglio gli ambienti tipici di un monastero ortodosso: qui ci sono tre chiese, un museo di storia, un’antica cucina e refettorio, una cantina, una falegnameria, e anche un ossario.Ossario monastero Megalo Meteoron, Grecia
***
[Monasteri e luoghi minori]
Quest’area cela, però, anche dei bellissimi monasteri minori, anche se non visitabili, tranne che in rare occasioni e celebrazioni particolari; e altri monumenti da non perdere. Di seguito quelli che ho potuto visitare.
Meteora, Grecia © smartraveller.it (43)
Meteora, Grecia © smartraveller.it (40)Vorrei citare a Kastraki il piccolo monastero Ypapanti, ristrutturato di recente, che mi ha molto colpito, e che, in effetti, non è così ben raggiungibile rispetto agli altri. Io l’ho fatto a piedi con un trek in mezzo ai boschi partendo dal villaggio; altrimenti esiste anche una strada sterrata che porta al monastero. Il sito apre una volta l’anno, per una celebrazione religiosa che si tiene il 2 febbraio; tutti gli altri giorni si può ammirare solo da fuori. A me è piaciuto molto perché costruito all’interno di una cavità della roccia, quindi diverso dagli altri costruiti sui pinnacoli. Per chi ha voglia di fare due passi in mezzo alla natura è un ottimo pretesto!

Meteora, Grecia © smartraveller.it (42)

Sempre a Kastraki si può vedere incastonato a 30 metri d’altezza, in una delle pendici più ripide, un “eremo” in rovina ma colorato da tante stole, bandiere e sciarpe, dedicato a San Giorgio. Si chiama “San Giorgio con le sciarpe” (Αγίου Γεωργίου Μαντηλά) che tutti gli anni richiama a sé, durante la festa del santo (23 Aprile), tanti fedeli che per mano di giovani audaci, detti “Mandilarades”, che salgono la parete aggrappandosi ad una semplice corda (non attrezzatura tecnica), fanno issare nella grotta i fazzoletti in segno di gratitudine e di devozione. Meteora, Grecia © smartraveller.it (S.Giorgio Madilas)
Ci sono anche fascinosi eremi abbandonati da vedere, tra cui quello di San Antonio, a fianco del monastero di San Nicola Batova o Kofinas (Αγιος Νικολαος Κοφινας) e la chiesetta Panagia Doupiani, situati tra le rocce Ambaria e Pixari (molto frequentate da climbers). Arrivare in quest’area a piedi da Kastraki offre la possibilità di imbattersi in grotte e/o eremi abbandonati anche a livello del terreno.Meteora, Grecia © smartraveller.it (15)

Meteora, Grecia © smartraveller.it (17)

In una zona defilata di Kalampaka si trova la Chiesa Bizantina della Vergine Maria: una chiesetta incredibile da non perdere, non solo perché è tra le più importanti chiese paleocristiane in Grecia, ma anche per i suoi preziosi affreschi bizantini dell’XI secolo, i suoi mosaici, e anche per il fatto che nelle sue mura sono incastonate reliquie di un antico tempio greco dedicato al Dio Apollo (Orari 9 – 13 / 15 – 20; ingresso 1,5€).
In ultimo, ma non per importanza, c’è uno spot incredibile da cui guardare il tramonto più bello. Si trova a est del monastero Agia Triada. Qui le coordinate. Basta un poco di agilità e si riesce a salire su alcune rocce e godere di una splendida vista mentre il sole tramonta di fronte a te.
Meteora Grecia © smartraveller

Tramonto - Meteora, Grecia © smartraveller

Meteora, Grecia © smartraveller.it (26)

Meteora, Grecia © smartraveller.it (21)
[Curiosità]
  • I primi monaci arrivavano sulle cime e nelle grotte probabilmente scalando, poi vennero ideate impalcature sostenute da travi fissate nella roccia, di cui rimangono ancora tracce. Questo metodo venne rimpiazzato con vertiginose scalette di corda e, per chi soffriva di vertigini, da reti tirate su dai monaci fino in cima. Negli anni venti furono rimosse le scalette di corda e sostituite con scale ricavate nella roccia. Le reti rimangono ancora oggi in uso per il trasporto di alimenti.
  • Per la particolare conformazione rocciosa le “Meteore” sono oggi meta di scalatori che vengono qui da tutto il mondo.
Meteora, Grecia © smartraveller.it (58)
Meteora, Grecia © smartraveller.it (14)
▁ ▂ ▃ ▄ ▅ ▆ ▇ ▆ ▅ ▄ ▃ ▂ ▁
La visita delle “Meteore” mi ha lasciato completamente a bocca aperta: luoghi di rifugio e di meditazione, dove abbandonarsi al silenzio e alla magia della natura, ma anche dell’architettura. Grazie al fatto di essere guidata nelle visite ho potuto apprezzare ancora di più la loro storia, di cui sì è possibile trovare tantissimo materiale in rete, ma molte chicche le ho potute scoprire grazie a George e lo staff di Visit Meteora che mi hanno accompagnato! Grazie ragazzi! Ringrazio ancora anche Yiannis di Alsos House per avermi ospitato durante il soggiorno a Kalampaka. Ovviamente, come sempre, i punti di vista e le opinioni qui espressi sono sempre sinceri al 100%.
Spero di averti dato un’idea della magia di questo posto, e ricorda di provare a perderti per sentieri minori per apprezzare veramente la pace che qui regna.Meteora, Grecia © smartraveller.it (54)
Meteora, Grecia © smartraveller.it (57)

Kalampaka, Meteora, Grecia © smartraveller.it

[smARTinfo]
  • L’ingresso ai monasteri è a pagamento (3,00€);
  • Per le donne sono a disposizione dei teli da indossare per coprire le gambe scoperte o i pantaloni.
  • Il consiglio, qualora ci si recasse in un periodo di alta stagione, è di iniziare il tour al mattino presto in modo che non ci sia ancora la calca dei turisti, oppure la sera con una visita fino al tramonto.
  • Orari di apertura e giorni di chiusura dei monasteri (in inverno ti consiglio di verificare, perché possono subire variazioni):
Agiou Stefanou: In estate, 9.00-13.00 15.00-17.00. In inverno, 09–13 e 15–17. Lunedi chiuso;
Megalou Meteorou: in estate: 9–17, chiuso il martedì; In inverno: giovedì – domenica 9–16;
Varlaam: In estate, 9–13 e 15:30-18, venerdì chiuso; In inverno 09–13 e 15–17, mercoledì e venerdì chiuso;
Agias Varvaras · Roussanou: 9 – 18, chiuso mercoledì in inverno
Agias Triada: 9 – 17, chiuso il giovedì. In inverno, mercoledì e giovedì;
Agiou Nikolaou Anapafsa: 9-15.30; Chiuso il venerdì.
[Dove dormire]
Alsos House(In ogni caso, dovunque tu voglia dormire, è opportuno fare base a Kalampaka, Kastraki o Trikala)Alsos House, Kalampaka
[Dove mangiare]
Taverna to Paramithi, ‪Patriarhou Dimitriou 14, Kalambaka Taverna Meteora, Grecia © smartraveller.it (34)
P.s. Dovresti vedere questo video

P.p.s. Una dettagliata mappa con i luoghi di interesse 😉
Mappa Monasteri Meteora, Grecia
Felicità è trovarsi con la natura, vederla, parlarle [Lev Tolstoj]

Ti piace ciò che hai letto? Follow “smARTraveller” and always be in the know

twitterfacebookPinterestinstagram

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

© www.smartraveller.it
Annunci

8 pensieri su “Meteora, terra di magia

  1. Che ignorante che sono, devo confessare che è la prima volta che sento parlare di Meteora; è un posto fantastico, incantato, sembra quasi di essere fuori dal tempo, e lo dico guardando le foto ed il video, figuriamoci essere li fisicamente. Il post è fatto bene, semplice e dettagliato, un’ottimo punto di riferimento per chi decide di recarsi a Meteora.
    Un saluto

    Mi piace

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...