Viaggiare in tempo di Ramadan

It's Ramadan! smARTraveller 4
 Se hai intenzione di fare un viaggio in una paese a maggioranza religiosa musulmana nel periodo del Ramadan, vivrai un’esperienza assolutamente affascinante, perché il Ramadan non è un periodo come gli altri: la vita e i tempi che scandiscono le giornate si trasformano.
Il Ramadan – periodo in cui l’arcangelo Gabriele rivelò a Maometto i primi versi del Corano – segue il calendario lunare e non inizia né lo stesso giorno per tutti i musulmani, né cade nello stesso mese tutti gli anni, proprio perché legato alla visibilità della luna crescente. Quest’anno si celebra dal 27 maggio
In molti luoghi, tra cui il Marocco, la Tunisia, l’Indonesia e l’Egitto, la vita quotidiana cambia davvero molto in questo mese, dando ai visitatori la possibilità di vedere un lato completamente diverso di questi paesi. Tuttavia, ogni paese non pratica questo obbligo religioso con la stessa intensità. 
  • Nozioni di base

Il Ramadan, insieme alla professione di fede, all’elemosina, alla preghiera e al pellegrinaggio alla Mecca è uno dei cinque pilasti dell’Islam. Questa istituzione ruota intorno al digiuno, quindi dall’alba al tramonto i fedeli si astengono dal mangiare, fumare e bere, e anche dall’avere rapporti sessuali, per concentrarsi al meglio sulla purificazione. Nella prova del diguno è più importante il significato spirituale di quello materiale, per il fatto che l’uomo si allena a tenere sotto controllo i desideri fisici, nel tentativo di superare la sua natura umana. Dopo il tramonto, però, si scatena “l’euforia” e si rompe il digiuno (iftar è il nome del pasto di rottura), la tradizione vuole che si debba iniziare mangiando un dattero perché così faceva il Profeta. Questo momento è sinonimo di famiglia, di condivisione, di sorrisi che si scambiamo quando finalmente arriva l’ora della cena.It's Ramadan! smARTraveller 8
It's Ramadan! smARTraveller 5I momenti che precedono il tramonto sono forse i più divertenti, in famiglia tutti collaborano, affinché tutto sia pronto per la cena. Quando la tavola è ormai imbandita, inizia il silenzio: tutti sono con le orecchie tese ad ascoltare la voce dell’Imam, che dalla moschea intona la preghiera. Dopo cena si esce per le strade a fare una passeggiata, o a visitare gli amici e parenti, si può fare shopping dal momento che le attività prendono il normale corso. C’è anche chi va a dormire, per poi svegliarsi e concedersi un pasto frugale prima dell’alba (suhur). Ovviamente Ramadan non significa solo disciplina ferrea di giorno e baldoria durante la notte: è anche un momento di carità e condivisione, un altro dei cinque pilastri dell’Islam come dicevo sopra. 
It's Ramadan! smARTraveller 9Un momento per me molto affascinante e intenso è il canto della preghiera poco prima dell’alba, quando i muezzin chiamano a raccolta i fedeli dall’alto dei minareti per l’ultima volta prima di riprendere il digiuno. E’ un momento emozionante; ti consiglio di provare questa magia, magari da una terrazza panoramica, e provare a godere del silenzio della notte improvvisamente rotto dalle note della melodia che avvolge la città.
  • Organizzazione

It's Ramadan! smARTraveller 13

In viaggio è importante pianificare gli spostamenti in relazione alle chiusure diurne ed organizzarsi con cibo ed acqua in modo da non trovarsi senza provviste in caso di spostamenti in luoghi meno turistici. Durante il Ramadan i ritmi rallentano,  l’aria è calda e immobile e molti esercizi commerciali sono chiusi, ma non nei luoghi più battuti dai viaggiatori. It's Ramadan! smARTraveller 14Al di fuori delle zone turistiche, invece, può risultare difficile trovare un ristorante aperto, quindi ricorda di chiedere in loco le informazioni del caso. Importante tenere a mente che gli orari di apertura di uffici pubblici, come banche e posta, ma anche le agenzie di viaggio, così come le compagnie aeree possono subire variazioni anche sensibili.
  • Spirito di adattamento 

It's Ramadan! smARTraveller 2

It's Ramadan! smARTraveller 7Le strade si riempiono di vita al tramonto, dopo il pasto principale la gente si riversa nelle strade e nelle piazze, e ancora mangiucchiare qualche dolce di conforto. Trovandosi in viaggio in questo periodo significa anche adeguarsi a questi tempi e vivere un po’ più la notte. Altrettanto interessante, però, è uscire per un giro la mattina presto: le strade risulteranno deserte e assai più silenziose del solito.

It's Ramadan! smARTraveller 10

It's Ramadan! smARTraveller 11

It's Ramadan! smARTraveller 12Durante il Ramadan, i locali e i ristoranti sono decorati a festa e spesso offrono un menù speciale. Alcuni ristoranti, generalmente quelli più piccoli e locali, allestiscono delle tavolate dedicate ai più poveri ai quali viene offerto del cibo gratuitamente.
  • Rispetto

Nessuno ti chiederà di digiunare durante il Ramadan. Secondo la tradizione, anche i musulmani in viaggio possono astenersi dalla stretta osservanza. Per dimostrare la tua solidarietà e rispetto, però, evita di mangiare o bere in pubblico davanti a persone che praticano l’astinenza. Tuttavia, se ti rechi in Arabia Saudita, negli Emirati, durante questo periodo, devi sapere che i non-musulmani stranieri, residenti o viaggiatori, saranno soggetti ad espulsione se mangiano, bevono o fumano in luoghi pubblici, strade e luoghi di lavoro. Anche per quanto riguarda l’abbigliamento, io consiglio di essere un po’ più casti del solito.
  • Ospitalità

It's Ramadan! smARTraveller 6Se in viaggio in paesi islamici avrai l’occasione di conoscere dei locali, ci sono alte probabilità che ti verrà offerto del cibo o di essere invitato a una festa in famiglia! Pensaci due volte prima di rifiutare, o magari fare dei complimenti, perché non solo potrebbero offendersi, ma soprattutto accettando l’invito renderai onore alla loro casa, allo spirito del Ramadan, e potrai trascorrere una serata particolarmente lunga e animata. Il Ramadan è anche il periodo dell’anno dedicato all’ospitalità, che nei paesi del sud del mondo, così come ad Oriente, è di per sé culturalmente un valore assai radicato. It's Ramadan! smARTraveller 3
Spero di averti chiarito le idee e aver sciolto i tuoi dubbi. Non esitare a contattarmi per ulteriori info. In ogni caso, non temere, affronta il viaggio durante il Ramadan con una buona dose di curiosità ed in più tanto spirito di adattamento! Del resto, viaggiare non è solo visitare luoghi e bellezze locali, ma soprattutto conoscere e accettare culture diverse, e provare a immedesimarsi nei costumi del luogo!
Chi rispetto vuol, rispetto porti [Proverbio Italiano]
Ti piace ciò che hai letto? Follow “smARTraveller” and always be in the know

twitterfacebookPinterestinstagram

© www.smartraveller.it

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Annunci

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...