La torre di teschi, macabro q.b.

Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (6)Tra le cose da vedere a Niš, cittadina nel sud della Serbia, cuore della penisola balcanica, 250 km da Belgrado, 170 da Sofia, 208 da Skopje, una cittadina vivacissima e dal sapore meno europeo rispetto alle altre grandi città serbe, c’è una location da non perdere, unica nel suo genere, o quantomeno uno degli esempi meglio conservati di questa macabra tradizione “architettonica”.

Circa 200 anni fa per volere del Generale ottomano Hurşid Pasha fu qui fu eretta una torre trionfale fatta di teschi appartenenti a soldati e ribelli serbi sconfitti in una cruenta battaglia!
Okay, siamo avvezzi a catacombe, ossari e cripte varie, vedasi quelle di Palermo, di Parigi, di Roma a Santa Maria della Concezione e quant’altro, ma a Niš non mi sono persa la possibilità di vedere un monumento assolutamente bizzarro, che ha dietro una storia ben più sconcertante. Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (9)
Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (5)
[Back in the days]
Era il 1809 e la Serbia era nelle mani ottomane, quando un esercito di soldati insurrezionisti serbi, guidati dal valoroso comandante Stevan Sinđelić, vennero allo scontro con i Turchi in un assalto disperato (data la schiacciante inferiorità dei ribelli) sulla collina di Čegar alle porte della città, nel tentativo di liberare Niš.
Quando il comandante ribelle Sinđelić realizzò che non vi era molto da fare, decise di sparare un colpo in un deposito di polvere da sparo, facendo saltare in aria tutti i suoi uomini, così come i soldati nemici. Persero la vita 3.000 serbi e almeno 6.000 turchi.
Profondamente irritato dall’accaduto, il temibile generale ottomano Hurşid Pasha non solo fece decapitare e scuoiare i cadaveri dei soldati caduti e far recapitare le loro pelli [imbottite di cotone] alla corte imperiale a Istanbul – tipico rituale ottomano. Questa volta Hurşid Pasha pensò di dare un’ulteriore lezione ai ribelli serbi, utilizzando i crani dei soldati per costruire una piccola torre proprio sulla strada principale, all’ingresso della città.Torre dei Teschi - Niš (3)
In totale, vennero utilizzati 952 teschi. Nella sua forma originaria, la torre era alta 15 metri e larga 4-4,5 metri per lato. I teschi erano disposti su 56 file, ciascuna con 17 teschi. Il cranio del comandante Stevan Sinđelić venne posto in alto.
Questo monumento raccapricciante scosse non poco la nazione serba. Ma evidentemente non abbastanza, perché i serbi tornarono a ribellarsi nel 1815, questa volta con successo.
Negli anni immediatamente successivi alla costruzione della torre, le famiglie dei ribelli deceduti presero con sé dei teschi, per dare loro una sepoltura.
Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (1)Nel 1878 la torre fu chiusa in una sorta di “teca” per risparmiarla dalle intemperie; nel 1938 le autorità serbe costruirono una cappella intorno alla torre col fine di preservare questo monumento unico nel suo genere, che intende oggi rappresentare il coraggio del popolo e le sue sofferenze.
Non ti aspettare un monumento chissà di quali dimensioni, ma la visita di questo luogo saprà comunque essere sorprendente e a mio avviso imprescindibile per conoscere qualcosa in più della storia serba, nella quale verrai trasportato anche grazie alla guida presente sul posto, che saprà trasmettere il significato e la valenza della macabra opera.Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (7)
Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (8)All’interno della cappella c’è anche una targa di bronzo con le parole del noto poeta francese Lamartine che parla del monumento durante un suo viaggio a Niš nel 1833: “Possano i serbi conservare questo monumento! Per insegnare ai loro figli il valore dell’indipendenza di un popolo, mostrando loro il prezzo che i loro padri hanno dovuto pagare”. Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (2)
Torre dei Teschi - Niš © smARTraveller (4)[smARTips] Per l’ingresso ho utilizzato un biglietto cumulativo dal costo di 200 rsd, utile per visitare le attrazioni principali di Niš: la Mediana e il suo museo, il campo di concentramento e, appunto, la Torre dei Teschi. Altrimenti, il singolo biglietto d’ingresso ha il costo di 150 rsd. Gli orari di apertura sono dal martedì al sabato dalle 9:00 alle 20:00. L’indirizzo è Bulevar Svetog cara Konstantina all’incrocio con Dušana Popovića.

***

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile [Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray]

MADE WITH WANDERLUST BYPaola***
Ti piace ciò che hai letto? Follow “smARTraveller” and always be in the know
twitterfacebookPinterestinstagram

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

© www.smartraveller.it
Advertisements

Un pensiero su “La torre di teschi, macabro q.b.

  1. Pingback: Stay Balkan. 1a parte. | bejvavalo

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...