Romantica e Medievale Tallinn

Tallinn - PanoramicaUn luogo ricco di fascino che non può non ammaliare! Andiamo a Nord, molto al Nord…nei Paesi Baltici, che per me rappresentano una sorta di destinazione di frontiera, certamente dei territori fuori dai sentieri più battuti nel vecchio continente: credo di poter contare su una mano le persone – che conosco – che ci sono state o anche hanno solo pensato di visitare questi luoghi. 
Nel cuore dei paesi baltici, sulla costa del Golfo di Finlandia sorge Tallinn, luogo antico del commercio, città dominata da svedesi e danesi, tedeschi e russi, uscita dal regime sovietico nel 1991 e da 10 anni nell’Unione Europea, oggi vive la propria rinascita culturale ed economica, e da sfoggio di tutta la sua bellezza!
Tallinn offre non poche sorprese: un centro storico medievale, edifici classici, rinascimentali, barocchi o rococò; la Città Vecchia è una delle meglio conservate in Europa: qui si può toccare e sentire la storia, passeggiando per le strade, osservando i panorami, le guglie appuntite e le torrette di tegole rosse, stando seduti nelle piazze, entrando nelle chiese, ascoltando la musica. Tallinn va scoperta, così come l’Estonia e i suoi vicini paesi baltici. Dovrebbero essere nella tua bucket list…e soprattutto nei sogni di chi viaggia con budget più contenuti.
[TUFFO NEL PASSATO]
Città Vecchia
La mia esplorazione parte dall’aggrovigliato fiabesco centro storico, risalente al 1050, e dal 1997 patrimonio mondiale dell’UNESCO. La Città Vecchia di Tallinn ricopre solo una piccola parte della capitale estone, ma racchiude nelle sue viuzze le maggiori attrazioni di natura sia turistica che culturale. Una passeggiata attraverso i vicoli stretti pavimentati in pietra evoca atmosfere d’altro tempo, lontane da tutte le distrazioni moderne.
Tra le stradine capita di “imbattersi” nella chiesa gotica di Sant’Olav, che deve il suo nome al Re di Norvegia, che fu l’edificio più alto del mondo fino al 1625 con un’altezza di 159 metri (all’epoca), poi la torre rimase gravemente danneggiata e perse il record. Oggi, comunque, continua a dominare orgogliosa l’orizzonte della città. L’ingresso alla chiesa è gratuito, ma salire in cima alla torre campanile ti costerà 2 euro [1 euro per i bambini…]. La salita è impressionante, come la vista dall’alto: gli scalini sono scolpiti su pietra massiccia, niente ti sostiene se non la forza della pietra…
Passeggiare è probabilmente il modo migliore per godersi l’atmosfera, per meglio notare tutti i dettagli e gli highlights! Anzi, il massimo sarebbe lasciarsi andare e vagare senza meta!!!
Vagare a zonzo senza però perdersi alcuni punti salienti: oltre la sopracitata Chiesa di Sant’Olav, da non perdere uno scorcio carinissimo, conosciuto come il Passaggio di Caterina [Katariina Kaik], uno dei luoghi più romantici di tutta la Città Vecchia. Si raggiunge scendendo da Sant’Olav lungo la Vene, l’antica via dei mercanti russi. 
Dopodiché, non bisogna perdersi Raekoya Plats il centro geografico di Tallinn, completamente tappezzata di locali, bar e caffè. Ma siccome a me piacciono le curiosità, una menzione particolare per la più antica farmacia del Nord Europa, ancora attiva, Raeapteek [la farmacia del Municipio] che si trova proprio in questa piazza.
Toompea
Dalla città vecchia, non ci si può esimere dal salire fino a Toompea [Città Alta] percorrendo la Pikk Jalg [Gamba Lunga] o la Luhike Jalg [Gamba Corta] per ammirare la principale chiesa ortodossa del paese, Alexander Nevsky, in stile revival russo e le sue cinque cupole a cipolla; immancabile poi la più tipica fotografia di tutta Tallinn, una posa che va scattata dalla piattaforma panoramica su via Kohtu! Da vedere: l’imponente edificio in stile barocco del Castello di Toompea che ospita il Parlamento [Riigikogu], situato nell’angolo sud-occidentale di Toompea, da qui poi basta prendere la stradina che da Lossi Plats arriva fino al Cortile del Re dove, nelle belle giornate, soprattutto estive, gli artisti espongono le loro opere sui  cavalletti. 
Immancabile la visita alla torre di artiglieria più suggestiva della città: la Kiek in de Kök, costruita nel 1475, alta 38 metri ed muri di spessore di ben quattro metri. Delle palle di cannone, sparate da Ivan il Terribile, sono ancora visibili incastrate nei muri perimetrali esterni. Qui è possibile acquistare un biglietto unico per visitare il museo che illustra i sistemi di fortificazioni e l’accesso ai tunnel sotterranei, utilizzati anche dalla popolazione durante la seconda guerra mondiale per ripararsi dai bombardamenti, significa immergersi completamente nella storia di questa città. 
BALZO IN AVANTI
La città di Tallinn si divide tra passato e futuro. Dopo aver goduto delle atmosfere di una volta in centro, sarebbe bene fare un tuffo nella Tallinn fuori le mura. Nella parte più moderna. Da non perdere è il Lennusadam Seaplane Harbour, un hangar risalente al 1916 ora trasformato in un bellissimo museo. Gli ambienti sono enormi, la maggiore attrazione è il sottomarino, il sovietico Lembit, che si può effettivamente visitare al suo interno, è davvero tenuto in perfette condizioni. Ci sono anche altre esperienze da fare, mi è piaciuto molto l’approccio interattivo del museo. È possibile sparare agli aerei nemici, affondare delle imbarcazioni, provare un simulatore di volo, vestirsi da capitano e altro. Insomma, c’è molto da fare anche per i bambini. Terminata la visita al museo, vale la pena esplorare il vibrante quartiere Kalamaja!
Kalamaja è diventato recentemente popolare tra giovani e artisti. Ci sono un sacco di locali ed è molto più tranquillo rispetto al centro. Questa parte della città è per veri avventurieri! Ci sono reperti sovietici, una vecchia prigione, un sottomarino del 1930 e un mercato delle pulci russo [Balti Jamm Market] che si mescolano in questo quartiere dove le case sono in legno e s’affacciano sul mare: un paesaggio urbano unico.
Kalamaja (2)
Infine, per coloro che hanno più tempo, sarebbe bello, soprattutto nella stagione più favorevole, esplorare una zona non molto lontana dal centro, in direzione est [si raggiunge in tram, o con una camminata di 30-40 minuti], dove si estende il bellissimo parco di Kadriorg.
#Kadriorg, Tallinn (1)
Alberi secolari, prati, fontane e laghetti ne fanno il luogo ideale per lunghe passeggiate o picnic nel verde. Nel parco c’è da visitare il palazzo che Pietro il Grande aveva fatto costruire come residenza estiva per la sua imperatrice [chiamato proprio Kadriorg], e il museo d’arte contemporanea KUMU, che secondo me è assolutamente da visitare, sia architettonicamente che per le esposizioni [Ingresso solo 5,50€].
Infine, merita davvero una bella passeggiata fuori dai classici itinerari, il lungomare di Pirita Tee: una lunga strada costiera di circa 4 km che guarda verso il Golfo di Finlandia e che prosegue poi nella Spiaggia di Pir.
[TUTTI A TAVOLA!]
Assolutamente da provare le prelibatezze locali, ma mi raccomando fai lo sforzo di non pranzare sulla turisticissima piazza del Municipio! Le strade tortuose del centro storico sanno offrirti alternative meno turistiche, dai ristoranti alla moda ad esperienze tradizionali estoni. Anzi, uscendo dalla centro storico, ci sono dei locali che sono delle vere e proprie chicche, chi cerca trova 😉 La cucina è un mix di diverse parti del mondo, influenzata da quella polacca, da quella danese, da quella tedesca, senza dimenticare gli influssi russi.
Mi sono abbuffata di pane nero e degli onnipresenti Pierogi, ravioloni a mezzaluna ripieni, di carne o di verdura o di funghi o anche frutta! Da provare il tipico Mulgikapsad (stufato di crauti e maiale, servito con patate), il Silgusoust (aringa con pancetta affumicata e panna acida) e il Karask (dolce di pane d’orzo).
Alto capitolo è la birra, A. Le Coq e Saku, ottime birre estoni [si potrebbe visitare il birrificio di A. Le Coq di Tartu, la seconda città dell’Estonia], da provare anche i liquori locali, come il Vana Tallinn l’amaro locale, che può essere gustato liscio o usato per correggere il caffè. Normalmente nei ristoranti vige il piatto unico accompagnato con riso, o altro.
[CURIOSITA’]
  • Forse non tutti sanno che l’Estonia è stato il primo paese al mondo a dichiarare l’accesso a Internet un diritto costituzionale e ad aver dato i natali a Skype. Anche se vai a fare trekking in campagna troverai copertura Wi-Fi;
  • Tallinn, insieme al resto dell’Estonia, è estremamente sicura, pensa che qui l’autostop si fa comunemente, per spostarsi da una città all’altra;
  • Gli ostelli sono di qualità mediamente più alta di quelli che trovi altrove in Europa, con una spesa media di 10€ a notte, anche nel centro storico;
  • Sebbene gli estoni siano simili ai loro vicini finlandesi, sono in realtà molto meno riservati. Tutti coloro che ho incontrato a Tallinn non solo parlavano un inglese impeccabile (una vera benedizione considerando che l’estone è una delle lingue più difficili sulla terra), ma erano di una disponibilità incredibile;
  • In estate, vale la pena visitare i mercati all’aperto: il più noto è il mercato del sale di Tallinn;
  • In ultimo, una menzione per le feste e le sagre! Il calendario culturale di Tallinn è pieno zeppo di eventi dal Festival del Fuoco e del Ghiaccio a gennaio, la Music Week a marzo, poi il Festival dei Fiori da fine maggio ad agosto, nel mese di luglio la Festa della Birra, nel mese di agosto il Festival internazionale dell’organo e della Danza, nel mese di settembre il Festival di Musica Sacra Ortodossa. C’è veramente l’imbarazzo della scelta!! Qui sulla pagina dell’Ente del turismo ne puoi scovare di altri.
[QUANDO & COME]
Il periodo migliore per visitare Tallinn è ovviamente l’estate, da maggio a settembre. Particolarmente consigliate le ultime due settimane di giugno. Comunque, per i miei gusti è molto suggestiva anche in inverno (basta coprirsi). L’estate baltica è alquanto breve, con giornate tiepide (raramente calde) e notti (corte), la primavera è tarda e coincide con il mese di maggio.
Ryanair si rivela piuttosto utile da Malpensa e Bergamo. Estonia Air e Air Baltic volano a Tallinn da praticamente ovunque in Europa. Molti viaggiatori visitano la città come parte di un tour delle capitali baltiche, o anche in coppia con Helsinki, il viaggio in traghetto o catamarano dura da 45 minuti fino a 2 ore, dipende dalla velocità mezzo; infine, ci sono diversi autobus che collegano Tallinn alle altre città baltiche.
Ti ho raccontato un sacco di cose, e molte altre ancora più nel dettaglio lo farò prossimamente, spero intanto di averti trasmesso l’entusiasmo ed il dinamismo che mi hanno fatto amare questo luogo!
La cultura è un elemento stabilizzante, non c’è niente di meglio di un museo, di un’opera di Verdi o di un poeta con tanto di riconoscimenti ufficiali per ricacciare il progresso indietro [Charles Bukowski, Compagno di sbronze]
***
MADE WITH WANDERLUST BYPaola***

Ti piace ciò che hai letto? Follow “smARTraveller” and always be in the know

twitterfacebookPinterestinstagram

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

© www.smartraveller.it

Annunci

2 pensieri su “Romantica e Medievale Tallinn

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...