Paris, come non l’avevi mai vista

dirigibile parigi

Sky is the limit and you know that you keep on | Just keep on pressin’ on [Sky is The Limit, The Notorious B.I.G., Life After Death, 1997]
Se hai già avuto la fortuna di andare a Parigi avrai sicuramente visitato le principali attrazioni turistiche, come la Tour Eiffel, la cattedrale di Notre Dame, il museo del Louvre e la basilica del Sacré-Cœur e Montmartre.
Se ti dovesse capitare di tornarci oppure non ci ancora mai stato/a, perché non spingersi oltre e dare un tocco speciale alla tua visita?

Non puoi dire di aver visto tutto di Parigi, se non…
…lo hai fatto in dirigibile!
Sì, hai letto bene un dirigibile! La società Airship Paris ha lanciato il nuovo servizio aereo con l’intenzione di offrire ai visitatori una panoramica unica e l’emozione di un volo sopra l’Île-de-France, a Parigi.

dirigibile versailles 3-2

Il dirigibile utilizzato appartiene alla famiglia dei famosi Zeppelin, ovviamente in una versione rivisitata (modello NT-07) e aggiornata con le migliore tecnologie. Attualmente nel mondo ci sono solo tre dirigibili Zeppelin di questo tipo. In cabina trovano posto fino a dodici passeggeri seduti (o in piedi), ci sono enormi finestre panoramiche, che si possono anche aprire, e dalle quali godere di una vista mozzafiato.
dirigibile parigi Zeppelin_NT07
Il dirigibile si solleva grazie ai suoi tre propulsori e viaggia ad una velocità di circa 40-50km/h e ad un’altezza di crociera di circa 400 metri. Le visite guidate hanno una durata minima di 30 minuti fino ad un’ora e mezza, e si può scegliere l’escursione alla reggia Versailles o sui Castelli a Nord di Parigi. I prezzi partono da 250€ a persona.
Tutte le informazioni puoi trovarle sul sito ufficiale di Airship Paris, dove è possibile prenotare il volo.
dirigibile parigi 2
Quanto più il fardello è pesante, tanto più la nostra vita è vicina alla terra, tanto più è reale e autentica. Al contrario, l’assenza assoluta di un fardello fa sì che l’uomo diventi più leggero dell’aria, prenda il volo verso l’alto, si allontani dalla terra, dall’essere terreno, diventi solo a metà reale e i suoi movimenti siano tanto liberi quanto privi di significato. Che cosa dobbiamo scegliere allora? La pesantezza o la leggerezza? [L’insostenibile leggerezza dell’essere, Milan Kundera, 1989]
Ti piace ciò che hai letto? Follow smARTraveller and always be in the know

twitterfacebookPinterestinstagram

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Annunci

Se ti va di lasciare un tuo pensiero, puoi farlo qui sotto ▼ Please Feel Free To Leave Your Comments Below

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...